Agorà 11 Maggio 2014

MARIA COLEI CHE SCIOGLIE I NODI -

Nel 1700, in Germania, il pittore Johann Melchior Schmidtner dipinse un quadro che rappresentava Maria mentre scioglieva i nodi di un nastro. Si trattava probabilmente del "nastro matrimoniale" di una coppia che aveva evitato il divorzio. Alla base del dipinto, l'arcangelo Raffaele conduce Tobia verso Sara, la sua futura sposa.

Questo quadro si trova ad Asburgo, vicino a Monaco, nella chiesa di St. Peter am Perlach ed è tuttora esposto.

Nel corso dei secoli si perde il significato coniugale del quadro, ma la devozione popolare del luogo, molto viva, conserva l'essenza della simbologia e nasce l'appellativo "Maria, colei che scioglie i nodi".

Negli anni '80, padre Jorge Maria Bergoglio, che diverrà arcivescovo di Buenos Aires, cardinale e nel 2013 papa, porta in Argentina alcune copie di questo quadro e ne espone una nell'Università El Salvador. Da lì comincia la diffusione della nuova devozione.

Essa raggiunge la chiesa San José del Talar e poi la chiesa di San José Bautista ed è qui che il parroco, padre Juan Ramon Celeiro, scrive, dapprima per i suoi parrocchiani e poi nel 1998 per il grande pubblico, la novena che dà inizio alla nuova devozione a "Maria che scioglie i nodi".

In pochi anni questo fervore si diffonde in tutta l'America e poi nel mondo intero.

La nozione di "nodo nella vita " è comune a tutti, qualunque sia l'età, la condizione, la nazionalità, la razza. Chi può dire di esserne esente?

Ormai Maria è invocata anche con il titolo di "Maria che scioglie i nodi". Si usa celebrare la sua festa l'8 dicembre.

 

E' possibile scaricare una copia dell'Agorà della settimana cliccando qui.
venerdì 9 maggio 2014 18:53:00 Categorie: Agorà